Logo Sta-Nantee
Italiano English 中文
in Carrara since 1936
Iscriviti alla newsletter

66 Poggio Silvestre

La cava di Poggio Silvestre è una fonte di marmo bianco di prima qualità classificata fin dal secolo scorso e attiva da tempi antichissimi.

Emanuele Repetti, accademico dei Georgofili, nel volume primo del suo "Dizionario geografico fisico storico della Toscana" del 1833 ne dà una precisa descrizione (pur citando erroneamente il nome della cava come Poggio Silvestro): "Veggonsi all'opposto fianco [del canale di Torano] le cave del Poggio Silvestro, cui appartiene il bardiglio (calcareo saccaroide ceruleo) della Grotta de' Corvi, i belli statuarj del Zampone, e quelli che ritengono il nome dello stesso poggio Silvestro"

Emanuele Repetti, Dizionario geografico fisico storico della Toscana, volume primo, pag. 486, Firenze, 1833.



1818
1880
1890
1902
1923
1936
1960
2005
2010
2011
2012
La duchessa Maria Beatrice d'Este e i Betogli.
anno 1818
Antiche tecniche di taglio.
anno 1880
La cava di Poggio Silvestre fornisce marmi per la costruzione di importanti opere in Europa.
anno 1880
Viene terminata la costruzione della Ferrovia Marmifera.
anno 1890
I velieri che trasportavano il marmo.
anno 1902
Aldo Scarzella “Il Marmista” dagli archivi Staminalstone.
anno 1923
Staminalstone inizia la sua storia
pencil
anno 1936
Aldo Vanelli compra la cava 67 Zona Mossa.
anno 1960
Staminalstone acquisisce la cava 66 Poggio Silvestre.
anno 2005
I marmi di Staminalstone sono impiegati per applicazioni di lusso e di design.
anno 2010
Viene inaugurata la sede di Staminalstone Cina a Xiamen.
anno 2011
Il marmo delle cave Staminalstone viene usato per la costruzione dell’opera d’arte Stone Gate.
anno 2012